17enne accoltellato a Napoli, aggressori sotto protezione. Nascosti e accuditi dalle famiglie: così i grandi tutelano i baby criminali

ARTICOLI CORRELATI
di Leandro Del Gaudio

10
  • 2302
Hanno imparato la prima regola «di chi fa il fatto brutto»: mettere la testa sotto la sabbia, aspettare che il vento cominci a buttare da un'altra parte, prima di uscire allo scoperto. Hanno assistito - divertiti - alla marcia mattutina di studenti e cittadini in onore di Arturo, magari hanno anche capito di averla fatta grossa. Ma tutto, per loro, si è messo in positivo. Hanno incassato la moneta più pregiata: la protezione del proprio territorio. Non solo delle rispettive famiglie, ma anche degli amici del quartiere, del sistema di relazioni che ora li protegge, li accudisce, li controlla. Eccoli i quattro responsabili del tentato omicidio di Arturo. Sanno che ce l'hanno fatta, sanno che devono aspettare che passi la bufera. Hanno buttato via i coltelli, mentre i loro genitori li hanno aiutati a eliminare tracce di sangue o indizi difficili da giustificare dinanzi a un magistrato. Niente cellulari, niente armi, evitare di stare ancora in mezzo alla strada per un po'.
 

Protetti, accuditi, come se non fosse accaduto niente di grave, «in fondo non volevano uccidere nessuno...», ripetono i loro protettori. Che fanno ragionamenti di questo tipo: in fondo, quello era grosso, loro erano più piccoli e se esci con un coltello in tasca, che fai non lo usi? «Bestie» protette da genitori e amici, che ora si sentono già fuori dal rischio, perché a distanza di cinque giorni dall'aggressione di Arturo nessuno è stato arrestato, nessuno è finito allo «scoglio».Voci e strategie percepite in queste ore da chi sta provando a dare un nome agli aggressori del ragazzo, ricostruzioni che possono essere ricondotte a uno dei tanti investigatori che in questi giorni sta cercando di arrestare gli aggressori di un ragazzo inerme.

Lunedì il ferimento di Arturo, con una ventina di coltellate che hanno raggiunto il 17enne al polmone e alla gola, martedì un primo possibile passo falso delle indagini: come è noto sono stati condotti in Questura quattro ragazzini, che sono stati rilasciati in quanto - secondo una nota del Questore - non sono emersi nei loro confronti elementi utili a stabilirne la colpevolezza. Due giorni fa, una possibile svolta delle indagini: Arturo è stato ascoltato dagli inquirenti, ha fornito elementi ritenuti utili. Facile immaginare che non ci sono riconoscimenti diretti, di quelli a senso unico e in grado di giustificare un fermo di polizia. Ma il racconto del 17enne viene comunque ritenuto decisivo per inquadrare l'episodio accaduto lunedì pomeriggio in quel di via Foria. Un'aggressione gratuita, non una rapina. Un'azione violenta e fine a se stessa, che aveva un solo obiettivo: quello di consentire ai quattro criminali in erba di sfoderare i coltelli che avevano in tasca, insomma, di creare un pretesto per scatenare il sangue. Ed è stato lo stesso Arturo a farlo capire agli inquirenti: «Stavo andando dal dottore, mi hanno chiamato e fermato con un pretesto, poi mi hanno circondato e aggredito. Non so cosa avrei potuto fare per evitare di finire in queste condizioni».

Ma chi sono gli aggressori di Arturo? Balordi, figli di soggetti con precedenti penali, espressioni di famiglie disgregate. Presidiano la zona, si muovono tra la caserma Garibaldi e le panchine di piazza Cavour, in altre occasioni li puoi incontrare all'altezza di via Carbonara o via Rosaroll. Danno fastidio, si divertono a prendere di mira donne, ragazzi perbene, studenti. Negli ultimi tempi sono passati dalle mazze, dalle spranghe artigianali, ai coltelli. Le lame, dunque. Armi da usare prima o poi, che vanno puntate alle gola, non più solo alle gambe, secondo un modo di fare che si sta diffondendo anche in altre zone della città. E non è la prima volta che sono protagonisti di fatti del genere. Fanno parte di un gruppetto fluido, composto anche da altri soggetti più grandi e già segnalati alle forze dell'ordine. Rissosi, aggressivi. In alcuni casi, quando hanno avuto la peggio, hanno ottenuto l'immediato rinforzo dei propri genitori, che non hanno esitato a lasciare le proprie abitazioni per scagliarsi contro il malcapitato di turno.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 23 Dicembre 2017, 08:15 - Ultimo aggiornamento: 23-12-2017 22:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2017-12-23 18:03:45
Si possono scovare,per Napoli ci sono tante telecamere,basta volerlo,indagare nelle scuole e vedere chi si è assentato da quel maledetto lunedì ad oggi,mettere un po il fiato addosso al quartiere,bloccare tutti gli illeciti
2017-12-23 17:44:23
in galera i genitori e in riformatorio i futuri loro figli delinquenti.
2017-12-23 16:09:27
Speriamo che li trovino e li condannino a una pena severa. Basta con il lassismo e il buonismo.
2017-12-23 13:32:27
è mai possibile che la magistratura non riesca a capire (oppure non vuole) che bisogna punire severamente non il minore violento ma...i genitori anche con provvedimenti estremi... come togliere la patria potesta' oppure con pene detentive al genitore maschile altrimenti....si rischia in futuro di creare nuova delinquenza !! AVVISATI!
2017-12-23 13:03:10
SE li prendono, piangeranno, chiederanno perdono ecc. Mandateli in un paese, accompagnati dai genitori, dove veramente si scontano le pene

  • 977987503 2018-02-25
  • 707616502 2018-02-25
  • 266364501 2018-02-25
  • 456561500 2018-02-25
  • 449319499 2018-02-24
  • 155616498 2018-02-24
  • 55630497 2018-02-24
  • 142104496 2018-02-24
  • 83363495 2018-02-23
  • 749824494 2018-02-23
  • 416916493 2018-02-23
  • 224886492 2018-02-22
  • 759173491 2018-02-22
  • 809151490 2018-02-22
  • 403155489 2018-02-21
  • 913811488 2018-02-21
  • 252609487 2018-02-21
  • 322863486 2018-02-20
  • 239412485 2018-02-20
  • 472645484 2018-02-20