«Arturo non mollare»: migliaia di studenti di Napoli in piazza per il 17enne accoltellato

ARTICOLI CORRELATI
di Oscar De Simone

5
  • 563
Sono quasi un migliaio i ragazzi e le ragazze che questa mattina si sono messi in marcia da piazza Miracoli per manifestare tutta la loro vicinanza ad Arturo. Solo quattro giorni fa il giovane 17enne liceale è stato vittima di un brutale agguato messo in atto da 4 ragazzi che con diverse coltellate – di cui una alla gola – lo hanno ridotto in fin di vita. Oggi è la società civile a scendere in strada, portandosi proprio sul luogo dove è avvenuto l’agguato.

Il corteo è stato accolto dalla gente che ha applaudito, anche dai balconi delle abitazioni. In testa al corteo c'era la mamma del ragazzo. E durante una sosta è stata avvicinata da una donna, che stringendo la mano della sua bambina, le ha detto: «Siamo tutti vicino a lei e a suo figlio perché non vogliamo mai più avere paura di camminare per le strade del nostro quartiere». Il corte sta sfilando con i ragazzi che cantano: «Con minacce e coltellate la giustizia non fermate».
 

Insieme agli studenti di diverse scuole napoletane ci sono rappresentanti delle istituzioni a partire dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris, con numerosi assessori della sua giunta, e il sottosegretario alla Giustizia, Gennaro Migliore. In corteo anche rappresentanti dei sindacati tra cui Walter Schiavella, segretario della Cgil di Napoli e Giovanni Sgambati della Uil. Presenti anche il segretario e il presidente del PD di Napoli Massimo Costa e Tommaso Ederoclite. Alla manifestazione partecipano anche padre Alex Zanotelli, Geppino Fiorenza, presidente di Libera. Tra i giovani studenti anche il presidente della Terza Municipalità, Ivo Poggiani.

«Il quartiere risponde - ha detto il presidente della III Municipalità Ivo Poggiani - in maniera pronta e con tutte le sue anime migliori. È da tempo che diciamo che questa città soffre di un problema grave legato alla sicurezza. Ci vogliono politiche serie ed alternative sociali che possano consentire ai ragazzi di scegliere, in maniera netta e decisa, quale sia la strada che porta alla legalità ed alla sicurezza».
 
 

Il Consiglio regionale della Campania esprime «solidarietà piena» nei confronti del 17enne accoltellato. A dirlo è stato il vicepresidente del Consiglio regionale, Tommaso Casillo, in apertura della seduta odierna del Consiglio. «Credo di interpretare il sentire di tutta l'aula», ha spiegato Casillo, citando «le iniziative a sostegno» del giovane, su tutte il corteo in corso da piazza Miracoli al luogo dell'accoltellamento. «È doveroso, da parte nostra, esprimere piena vicinanza al ragazzo», ha concluso Casillo.

«Capisco la paura degli studenti e anche dei genitori ma, come ha detto Piercamillo Davigo, statisticamente la maggior parte dei reati avviene in casa. Questo non vuol dire non avere paura ma che se saremo sempre di più in strada la paura andrà via» ha detto il sindaco de Magistris, commentando la paura che molti studenti esprimevano oggi nel corso della manifestazione di sostegno ad Arturo, il 17nne accoltellato lunedì scorso a Napoli. Il sindaco ha sottolineato anche che «lo Stato deve rafforzare i controlli di polizia, come abbiamo detto tante volte in questi anni. Ma il riscatto di Napoli avviene con la cultura che genera rinascita, economia e lavoro che è la più grande alternativa per chi si sente smarrito. E poi dobbiamo dare punti di riferimento positivi a cominciare dai talenti dei giovani che sono qui oggi e dalle istituzioni cittadine che sul tema della camorra non sono tentennanti: contro la camorra di strada e contro la borghesia mafiosa e silente che entra nella politica noi siamo schierati h24, ecco perché Napoli vincerà la sfida». «Le parole di Arturo che non molla sono le parole di Napoli che non molla, è la città della resistenza, vive momenti difficili ma ci sono le condizioni per superarli. Chi prende un coltello non ama Napoli, chi la ama prende la chitarra» ha concluso.
Venerdì 22 Dicembre 2017, 10:32 - Ultimo aggiornamento: 23-12-2017 08:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-12-23 07:51:36
La solidarietà è la risposta della società civile è l unica soluzione.sia per il peso morale sia x far muovere le istituzioni che altrimenti non proverebbero un dito.so una società marcia è indifferente.Annalisa durante non ci ha insegnato niente?
2017-12-22 20:07:53
La manifestazione é partita dai ragazzi delle scuole, dai compagni di scuola di Arturo....che poi si siano aggregate le istituzioni , interessa solo che la città si sia mobilitata !
2017-12-22 18:20:00
Il sindaco onestamente poteva pure evitare la sua presenza ....nun serv a nient! Non conosce la realtà napoletana in cui viviamo!
2017-12-22 15:25:35
Nell'intervista rilasciata a ''Repubblica'' il direttore del carcere minorile di Nisida afferma testualmente che molti minorenni impugnano coltelli e pistole per esorcizzare la paura e cercare identita'. Gia' dire questo significa comunque concedere un'alibi,un'attenuante a mostri feroci che meriterebbero di marcire in una colonia penale. Penso che siano più dannose le parole di tanti sociologi d'accatto che mille puntate di Gomorra. Eppoi persone che ricoprono ruoli istituzionali farebbero meglio a tacere e a svolgere il proprio lavoro in fruttuoso silenzio.
2017-12-22 12:42:13
In tutta onestà, trovo queste manifestazioni assolutamente inutili. In italia c'è un chiaro problema di inadeguatezza legislativa. Fin quando non si mette mano al codice penale (e di procedura penale) queste manifestazioni restano solo una vetrina per i politici.

  • 169549708 2018-04-21
  • 46346707 2018-04-21
  • 440378706 2018-04-21
  • 475384705 2018-04-20
  • 554457704 2018-04-20
  • 853354703 2018-04-20
  • 640632702 2018-04-19
  • 719900701 2018-04-19
  • 943103700 2018-04-19
  • 347699 2018-04-18
  • 173791698 2018-04-18
  • 25431697 2018-04-18
  • 140808696 2018-04-18
  • 7183695 2018-04-17
  • 557931694 2018-04-17
  • 973364693 2018-04-17
  • 895239692 2018-04-16
  • 386338691 2018-04-16
  • 128194690 2018-04-16
  • 198353689 2018-04-15