Pompei, riaprono altre tre domus
Franceschini: «Simbolo del riscatto»

di Ilenia De Rosa

3
  • 176
Pompei. Il Ministro dei beni, delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini agli scavi di Pompei in occasione dell'apertura di tre domus di recente restauro. Si tratta di Domus con Botteghe, la Casa del Triclinio all'aperto, la Casa del Larario Fiorito e la sezione pompeiana della mostra [email protected] Scavati parzialmente negli anni Cinquanta da Maiuri, questi edifici furono compiutamente messi in luce alla fine degli anni Ottanta. Si trovano nel settore sud-orientale della città antica, nelle immediate vicinanze di Porta Nocera, uno degli accessi alla città, nonché passaggio privilegiato di quanti dal suburbio affluivano a Pompei per assistere agli spettacoli nel vicino Anfiteatro.
 


«Quando ho cominciato il mio percorso Pompei nel mondo era simbolo di difficoltà, oggi è simbolo di riscatto e di utilizzo efficiente dei finanziamenti europei. Qui vi è un continuo fiorire di iniziative e un aumento consistente delle presenze. È una bella storia italiana di cui dobbiamo tutti essere orgogliosi», così il ministro Franceschini, durante la visita agli scavi accompagnato dal soprintendente Massimo Osanna. Tra una spiegazione e l'altra il ministro si è fermato a fotografare aspetti significativi delle Domus aperte oggi.

Durante la visita il ministro è stato fermato da una guida turistica che ha esposto in maniera vivace la problematica relativa alle domeniche gratuite ai musei. Agli scavi secondo la donna sono ingestibili i migliaia di visitatori che arrivano e che
«non sono realmente interessati al discorso culturale».

Sul successo di Pompei secondo il ministro non ci sono dubbi. E lo ha rimarcato più volte.
«Nel 2017 sono stati registrati 3 milioni e mezzo di visitatori, un milione in più rispetto allo scorso anno - ha sottolineato Franceschini - Adesso il nostro impegno si concentrerà su tutto ciò che sta intorno agli scavi archeologici. È necessaria che vi sia una crescita, che possano nascere alberghi, attività, strutture di accoglienza, sempre ovviamente in maniera rispettosa e sostenibile».
Sabato 23 Dicembre 2017, 11:47 - Ultimo aggiornamento: 23-12-2017 15:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-12-23 19:00:54
non siamo mai contenti. almeno questa volta riconosciamo a cesare quel che è di cesare. per il resto sono il primo a criticare.
2017-12-23 12:53:14
PER RISCATTARE il nostro territorio servirebbero altre 10mila operazioni in stile Pompei, a cominciare proprio dalla riqualificazione dei territori moderni abitati dalla gente comune, non solo quelli antichi.
2017-12-23 12:11:35
Il vero riscatto del SUD avverrà SOLO quando ai meridionali verranno riconosciuti gli stessi identici diritti di cui godono i settentrionali sin dal 1861.......CAPITO!!!!!

  • 977987503 2018-02-25
  • 707616502 2018-02-25
  • 266364501 2018-02-25
  • 456561500 2018-02-25
  • 449319499 2018-02-24
  • 155616498 2018-02-24
  • 55630497 2018-02-24
  • 142104496 2018-02-24
  • 83363495 2018-02-23
  • 749824494 2018-02-23
  • 416916493 2018-02-23
  • 224886492 2018-02-22
  • 759173491 2018-02-22
  • 809151490 2018-02-22
  • 403155489 2018-02-21
  • 913811488 2018-02-21
  • 252609487 2018-02-21
  • 322863486 2018-02-20
  • 239412485 2018-02-20
  • 472645484 2018-02-20