Giovedì 1 Gennaio, 01:00
l'ignoranza e la mancanza di ogni senso civico e morale, frutto di generazioni susseguitesi con lo stesso primitivo modello di vita, fa il pari con la certezza dell'impunità ovvero di una pena irrisoria. Danneggiare l'albero comporta in astratto una pena pecuniaria da 100 a 300 euro, in pratica niente perchè i presunti responsabili non la pagherebbero mai, ammesso che vengano presi. Per lo stesso gesto negli USA la condanna non è inferiore ai cinque anni di reclusione. Dopodichè, posto che una certa parte del la nostra popolazione vive in un ineliminabile stato di primitiva visione dei rapporti sociali, tali episodi saranno senza dubbio reiterati nel tempo cosicché, in un mondo che apre continue frontiere e progredisce a velocità elevatissima grazie alla tecnologia, si resta davvero senza parole difronte all'ebete sorriso di trionfo di chi compie questi gesti che mortificherebbero la dignità di una bertuccia. La guerra va combattuta con le armi adeguate. Il terrorismo venne sconfitto con le misure eccezionali che lo Strato decise di adottare; la guerra ai nuovi barbari va combattuta con altrettanta adeguatezza, prima che la stupidità e la depravazione mentale di costoro conducano la città in una condizione di coma irreversibile.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Non è un caso personale, ma la legge. Pensate che per lo stesso motivo negli USA la pena minima prevista è di 25 anni di reclusione, da noi la pena massima (omicidio stradale plurimo con l'aggravante del'uso di droghe o alcol) è di 18 anni che fino ad oggi non è stata mai comminata. In Italia è facile delinquere perchè la statistica più inquietante è un altra: viene punito solo il 12% dei reati complessivamente commessi, altro che braccialetto!
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Hanno intervistato De Luca o Crozza?
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
La discussione mi sembra surreale. Da una parte c'è la malattia, una delinquenza che come un'infezione s'allarga giorno dopo giorno e sta uccidendo la città; dal'altra ci dovrebbero essere i medici, cioè lo Stato e le preposte istituzioni, per applicare la cura. Dopodichè, invece che prendercela il medico che non fa il proprio lavoro, finiamo per prendercela con la malattia. In pratica, al posto dei farmaci appropriati usiamo le dichiarazioni, le marce, le proteste, i comizi e l'indignazione ad uso di placebo. Se buona parte dell'opinione pubblica -e con essa molti rappresentanti delle Istituzioni- è convinta che ciò basti e che sarebbe deleterio invocare l'uso delle misure eccezionali che sono invece necessarie, allora è meglio smetterla adesso e limitarsi alla conta dei caduti
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
La discussione mi sembra surreale. Da una parte c'è la malattia, una delinquenza che come un'infezione s'allarga giorno dopo giorno e sta uccidendo la città; dal'altra ci dovrebbero essere i medici, cioè lo Stato e le preposte istituzioni, per applicare la cura. Dopodichè, invece che prendercela il medico che non fa il proprio lavoro, finiamo per prendercela con la malattia. In pratica, al posto dei farmaci appropriati usiamo le dichiarazioni, le marce, le proteste, i comizi e l'indignazione ad uso di placebo. Se buona parte dell'opinione pubblica -e con essa molti rappresentanti delle Istituzioni- è convinta che ciò basti e che sarebbe deleterio invocare l'uso delle misure eccezionali che sono invece necessarie, allora è meglio smetterla adesso e limitarsi alla conta dei caduti.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Nessuno ne sentiva la mancanza, né della Boldrini né di un'altra Sinistra radical-chic.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Tre personaggi , un solo destino: dimettersi.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Caro Treccagnoli, dopo la sociologia stantia e le solite chiacchiere che con le tabacchiere di legno nemmeno il Banco di Napoli impegnava che cosa si può fare? A mio modestissimo avviso si potrebbe iniziare a ripulire le strade dalla feccia umana, con qualsiasi mezzo. Lo fece con la famosa "tolleranza zero" Rudolph Giuliani per una New York che stava vivendo gli stessi problemi; per quello ebbe il consenso generale. Da noi chi lo impedisce? Vogliamo scrivere un elenco con nomi, cognomi e sigle?
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Le spiegazioni sociologiche lasciamole stare. Il disprezzo di ogni valore, soprattutto della vita, ovvero l'esaltazione di ogni valore negativo, sono il risultato di un modo di vivere con origini lontane e che mai è stato seriamente affrontato e contrastato. Dopodichè, incidere concretamente in questo tessuto sociale marcio comporta un lavoro forse di decenni e noi non possiamo più aspettare. Militarizzare la città non cura il male, ma può quantomeno rendere le strade più sicure e rendere più difficile ciò che oggi è diventato un gioco da ragazzi, è il caso di dire. Se poi c'è qualcuno che nei Palazzi si oppone finanche a questo primo rimedio, questo qualcuno dovrebbe smettere di scambiare i fallimenti per successi e pensare che le chiacchiere si possano ancora vendere. Anche perchè a lasciar fare senza intervenire si diventa complici, quantomeno moralmente.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Le spiegazioni sociologiche lasciamole stare. Il disprezzo di ogni valore, soprattutto della vita, ovvero l'esaltazione di ogni valore negativo, sono il risultato di un modo di vivere con origini lontane e che mai è stato seriamente affrontato e contrastato. Dopodichè, incidere concretamente in questo tessuto sociale marcio comporta un lavoro forse di decenni e noi non possiamo più aspettare. Militarizzare la città non cura il male, ma può quantomeno rendere le strade più sicure e rendere più difficile ciò che oggi è diventato un gioco da ragazzi, è il caso di dire. Se poi c'è qualcuno che nei Palazzi si oppone finanche a questo primo rimedio, questo qualcuno dovrebbe smettere di scambiare i fallimenti per successi e pensare che le chiacchiere si possano ancora vendere. Anche perchè a lasciar fare senza intervenire si diventa complici, quantomeno moralmente.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
E così siamo arrivati a dare ragione Carlo Marx . L'esercito industriale di riserva su cui teorizzava, cioè i disoccupati necessari che servono per calmierare i salari in quanto la disoccupazione spinge ad accettare condizioni di lavoro inique, adesso si arricchisce con gli immigrati. Non solo, ma con “l’immigrazione necessaria” si aprono nuove strade al finanziamento per ciò che non verrà mai attuato, finendo con il creare nuove forme di sussidio improduttivo. Se poi tutto questo è demandato ai comuni, notoriamente incapaci di gestire persino l’ordinario, il quadro è drammaticamente completo. Non è questione di stupida xenofobia, ma di realistica visione dell’ennesimo disegno scellerato finalizzato a sfruttare il bisogno e la disperazione. Come se di bisogno e disperazione questo Paese non ne soffrisse già abbastanza.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
In una intercettazione telefonica (agli atti di un processo) due delinquenti rumeni parlano del da farsi. Uno dice all'altro di venire in Italia "perchè quì facciamo quello che vogliamo e non ci succede niente". Sbagliava, perché quì non solo non gli succede niente, ma possono intascare anche dei soldi ovemai la vittima dovesse incomprensibilmente ribellarsi e fargli qualcosa. Giuridicamente siamo diventati la barzelletta dell'Europa, moralmente un Paese di cialtroni rassegnati.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Ci sono molti Paesi di indubitabile civiltà dove non solo in certi casi particolari le forze dell'ordine prima sparano e poi chiedono, ma soprattutto non c'è la solita congrega di "benpensanti/radical-chic/puzza sotto il naso" pronti a difendere i mascalzoni a discapito delle vittime.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Il vitalizio della c.d. "Legge Bacchelli" è disposto dal Capo del governo con decreto, previo assenso del Consiglio dei Ministri e comunicazione al Parlamento. Tralasciate le pure formalità, invito l'On.le Gentiloni ad adoperarsi in tal senso affinché non vengano ulteriormente mortificati coloro che si adoperano per la salvaguardia del bene pubblico.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Arredo urbano.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
E dopo questa bella giornata a Napoli, con un bel fritto di pesce e una fetta di babà per risolvere il problema del mezzogiorno, ognuno è tornato a casa sua mentre qua restiamo come prima. L'importante è stato "il confronto pubblico", giusto per fare contento Adinolfi e tutti quelli che vivono di chiacchiere.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Solidarietà per qualsiasi lavoratore che può perdere il lavoro, ma questo dovrebbe far riflettere i "padani" che nella difficoltà si possono trovare tutti e che non è corretto né dignitoso assumere quell'aria di superiorità quando le cose vanno bene. La solidarietà funziona solo in maniera reciproca e per 365 giorni l'anno, altrimenti è giusto che mangiate struffoli e roccocò che, tra l'altro, sono infinitamente più saporiti.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Campi di rieducazione obbligatoria per genitori e figli; dodici ore al giorno di educazione civica e sistemazione in baracche, con pane, acqua e niente cellulare per un paio di mesi. Le chiacchiere non servono a niente.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Ma in questo scontro "titanico" Napoli che cosa ci guadagna?
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Se dopo oltre un secolo stiamo ancora a dibattere sulle possibili soluzioni della Questione Meridionale può significare una delle due cose: o siamo un Paese di deficienti incapaci oppure è solo malafede perchè non c'è mai stato un reale interesse a risolvere il problema. Forse ci sarebbe una terza chiave di lettura, cioè che in un Paese di incapaci qualcuno in malafede ha trovato nel Meridione un ottimo pretesto per sprecare una montagna di danaro solo per arricchire la lobby mafia/affari/politica, ma questa è una storia ancora da scrivere.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
La mancata risoluzione della c.d. Questione Meridionale presenta oggi il suo conto drammatico, soprattutto sotto il profilo dell'impoverimento delle intelligenze e delle capacità giovanili che migrano laddove c'è quantomeno la speranza di non essere seppelliti dal trinomio corruzione/clientela/incapacità. Questo fenomeno non interessa più di tanto quelli che per opportunità politica e falso moralismo hanno compreso che è possibile sostituire, quantomeno numericamente, i nostri migranti con i migranti esterni che sono diventati in pratica "l'esercito industriale di riserva" teorizzato da Marx. Dopodichè in un Paese dove è lampante la discriminazione economica, sociale e morale tra cittadini diventa ciecamente importante dibattere la questione jus soli. Circa due secoli fa Giacomo Leopardi acutamente osservò che "quando tutto il mondo fu cittadino Romano, Roma non ebbe più cittadini; e quando cittadino Romano fu lo stesso che cosmopolita, non si amò né Roma né il mondo”. Ci preoccupiamo di rendere uguali gli altri a noi quando non siamo stati capaci di rendere uguali noi stessi. Dopodichè cercare altrove quello che non si è capaci di ottenere nelle nostre terre è diventata un'ineludibile necessità oltrechè un dovere morale per i nostri giovani. Ma morale e dovere sono termini sconosciuti a chi ci ha governato e ci governa .
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Palazzo San Giacomo e la Prefettura sono due posti immaginari, come Camelot o l'Isola che non c'è. Potrebbero esserci pure Merlino o Peter Pan e non cambierebbe niente.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Caro Felipe, è l'idea sbagliata di progressismo che contesto, non il concetto in se. Su questa distorsione dell'idea si sono costruite fortune politiche e prodotto danni incalcolabili, purtroppo.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Prefetto e Questore, due entità astratte che si distinguono solo per le dichiarazioni rese alla stampa in occasione delle solite cerimonie. Ma a Napoli chi è preposto all'ordine pubblico?
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
A Francoforte ho visto alcuni immigrati centrafricani ritirare il biglietto dalla macchinetta adiacente la fermata dell'autobus: era più o meno mezzanotte. Da noi non è solo un problema di immigrati perchè succede anche con gli italiani, è solo questione che siamo un paese allo sbando senza regole e senza disciplina, dove grazie ad uno sciagurato pensiero progressista/radicale chiunque è sicuro di poter fare il proprio comodo senza pagarne le conseguenze.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Questa triste storia nei distinti ( e non solo) va avanti da almeno trent'anni, a prescindere se siano affiliati a un Club o meno. Mi sembra che di tempo ne sia trascorso a sufficienza per rendere normale quantomeno lo Stadio di una città che non è normale.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
"Quella che è stata la culla del diritto ne è diventata la tomba". Leonardo Sciascia.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
1200 euro al mese il costo per emigrante, anche se a dire il vero ai destinatari arrivano vitto e alloggio per più o meno il 20% . Gli italiani in stato di reale bisogno? Non servono per fare business e non votano più, perciò non contano. Di casi come quello descritto nell'articolo ne ho conoscenza personale; per costoro l'aiuto proviene solo da privati cittadini che normalmente restano nell'anonimato. Cosa volete che importi la tragedia di tanti italiani alla cricca della politica/banche/affari internazionali con Renzi e Boldrini in testa?
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Bravo Brignoli, il tuo gol fa il pari con il "gol di testa di Zoff da calcio d'angolo" nel mitico racconto di Fantozzi per Inghilterra - Italia
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
C'è sempre qualcosa di nuovo nella politica italiana, soprattutto i nomi...
dalla notizia:
Utenti più attivi / 7 giorni
con 25 commenti
con 20 commenti
con 15 commenti
con 14 commenti
con 12 commenti
Utenti che segue
Ancora nessun utente!
Utenti che lo seguono
Nessun follower, per ora!

  • 169549708 2018-04-21
  • 46346707 2018-04-21
  • 440378706 2018-04-21
  • 475384705 2018-04-20
  • 554457704 2018-04-20
  • 853354703 2018-04-20
  • 640632702 2018-04-19
  • 719900701 2018-04-19
  • 943103700 2018-04-19
  • 347699 2018-04-18
  • 173791698 2018-04-18
  • 25431697 2018-04-18
  • 140808696 2018-04-18
  • 7183695 2018-04-17
  • 557931694 2018-04-17
  • 973364693 2018-04-17
  • 895239692 2018-04-16
  • 386338691 2018-04-16
  • 128194690 2018-04-16
  • 198353689 2018-04-15